Cessione del quinto: Fiditalia e Ibl a confronto

Ormai, con la crisi economica che si protrae, con il costo della vita che continua a salire e con il potere d’acquisto delle famiglie italiane che continua a scendere, sempre più spesso si rivela necessario richiedere un prestito presso banche e finanziarie. Non si tratta sempre di una questione semplice, con gli istituti di credito che richiedono sempre più garanzie e coperture, e con un mercato del lavoro sempre più incerto.

Una delle poche categorie a salvarsi, è quella dei dipendenti pubblici e statali, e dei dipendenti di medie e grandi aziende private, con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Per queste persone, è possibile richiedere la cessione del quinto, un particolare prestito personale non finalizzato, con il quale a pagare non è direttamente la persona che richiede il prestito, ma il suo datore di lavoro tramite trattenuta diretta sulla busta paga.

Si tratta di un prestito richiedibile anche dai pensionati, con la differenza che a loro viene richiesta la stipula di un’assicurazione sulla vita, ed è richiedibile fino agli 85 anni compiuti, da non superare alla fine del rimborso del prestito.

Con la cessione del quinto è possibile richiedere importi rimborsabili fino ad un massimo di 120 mesi, con una rata mensile che non può superare il quinto dello stipendio netto. In alcuni casi, è possibile richiedere la delega di pagamento o doppio quinto, con la quale è possibile richiedere un prestito, rimborsabile con una rata mensile fino ai 2/5 dello stipendio netto.

Le documentazioni richieste sono il codice fiscale, un documento d’identità valido e la busta paga, con la possibilità che in alcuni casi, come per chi lavora in una piccola azienda privata, possa essere richiesto di vincolare il proprio TFR a garanzia del prestito.

CESSIONE DEL QUINTO ONLINE, FIDITALIA VERSUS IBL

Oggi, molte richieste di prestiti attraverso la cessione del quinto avvengono online, strumento che permette di risparmiare qualcosa sulle spese di commissione e sui canoni. Andiamo a vedere in particolare, le caratteristiche di due offerte per la cessione del quinto online, quella di Fiditalia e quella di IBL Banca.

Prendiamo ad esempio un dipendente di una media azienda privata, di 40 anni, con uno stipendio mensile netto di 1.300€ per 13 mensilità, che debba richiedere 18.000€ di prestito, tramite la cessione del quinto.

In questo caso, con Fiditalia sarà possibile ottenere un prestito rimborsabile in 120 mesi, con un TAN dell’8,90% ed un TAEG del 9,81%, con una rata mensile di 219€, per un costo totale del prestito di 26.230€ circa.

Con IBL Banca invece, sarà possibile ottenere un prestito sempre rimborsabile in 120 mesi, ad un TAN del 4,65% ed un TAEG del 6,41%, con una rata mensile di 202€ ed un costo totale del prestito25.542€.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *